MANIFESTO DEI DELINQUENTI PRESTATI AL MONDO DELLA PALLA OVALE

Noi Delinquenti, promettiamo prospettive trasversali. Lo stesso gesto, visto e rivisto, diventerà nuovo: l’eleganza di un movimento sgraziato, l’emozione di un errore, la perfezione di un urlo, la staticità dinamica di un momento, la leggerezza di un placcaggio in ritardo, le ombre di un drop decisivo, la disperazione dietro una vittoria… Vi faremo vedere il RUGBY come mai lo avete visto prima: mazzate alla cieca, sottomano impossibili, cambi di passo che ti fan venire male alle ginocchia solo a guardarli, frontini, ribaltini, tombate e atti fisici estremi; ma non solo… esploreremo il lato umano, parleremo di coraggio, sudore e sacrificio. Dove tutto sembra essere alla portata di tutti, noi vi parleremo di uomini grandi, o grandi uomini (per i più grandicelli, tipo i pennelli Cinghiale), che hanno fatto di una disciplina una regola per poi scegliere di infrangerla. Come hanno infranto limiti, pregiudizi e difese. Perché Delinquente non è quello che pensate. Non è quello che immaginate: Delinquente è un attimo di genio, un istante di follia, una vita d’amore.

REDAZIONE

Andrea Papale

Direttor. dott. ing. gran. ladr. di gran. croc. pezz. di merd. nonché fondatore dei Delinquenti prestati al mondo della palla ovale. Giornalista pubblicista, ex rugbista e allenatore dei fantastici Under 6 del Villa Pamphili Rugby Roma, squadra in cui ho conosciuto e vissuto lo sport dalla palla ovale. Ormai pienamente inserito negli ingranaggi del rugby che conta, non perdo occasione per mettere in mostra nell’ambiente le mie capacità dialettiche e di equilibrio dopo la quinta media.

 


 

Giulio Giuseppe Giorno

Fine conoscitore dello sport della polemica, nasce e cresce nel Villa Pamphili Rugby Roma; si toglie qualche splendida soddisfazione principalmente grazie ai meravigliosi ragazzi che allena (e che ha allenato). Polemico, intransigente e viziato, ha collezionato qualche presenza in serie B, ma solo perché i piloni non sono mai abbastanza. Il suo sogno non si può dire.


Adriano Cecchini
Cecchini?.. Adriano, 10 (scarpino sinistro, scarpino destro) grazie arbitro! Nato a Roma, classe 1990, innamorato del rugby dal 1999 quando, dopo anni di nuoto (che si sa, è lo sport più completo, ndr), scoprii la gioia e l’emozione di correre con un pallone ovale sotto al braccio. Da sempre trequarti: dal 9 al 15 li ho indossati tutti, e non sarebbe potuta andare diversamente visti i miei portentosi 164 cm per 65 kg (“più so’ grossi e più fanno il botto grosso” per necessità era il mio motto). Ora la mia passione per ogni aspetto, dettaglio e notizia sul mondo della palla ovale si è trasformato anche in questo: collaborare con Andrea e gli altri ragazzi.

Giacomo Civino

Giocatore del Gorima Salento XV Trepuzzi, come mediano di mischia (povera apertura) o ala. Tenta di dispensare ignoranza ovale allenando anche le giovanili. Il suo habitat naturale sono le roventi sabbie salentine durante i beach rugby.

 

 


 

 

Antonio Mattia

Classe 1989, conosce il rugby da solo, in tv, al Sei Nazioni del 2001, completamente ignorante in regolamento, ad ogni partita dell’Italia applicava la regola: “Se il pallone non si vede allora è fallo”. Col passare degli anni ha apprezzato le gesta delle nazionali negli anni a seguire e dal 2012, grazie alla sua squadra di club, vive appieno l’ ambiente ovale. Esperto in scoop internazionali, non si perde un match che sia del campionato universitario delle isole Cook, o la Bledisloe Cup, lui è sempre in prima linea (anche pesando solamente 70 kg).

 


 

Daniele Barbotto 

Nato a Imperia il 23 giugno 1987. Diplomato in elettronica e telecomunicazioni. Mai esercitato la professione, la stazza mi ha sempre fregato, come in campo anche nella vita. Infatti vengo schiavizzato ehm lavoro presso una ditta edile. C’è chi trasporta il pianoforte e chi lo suona. Io non conosco manco la forma dei tasti. Gioco a rugby da quando ho 15 anni. In anni di grazia ho timbrato il cartellino come terza linea e anche primo centro, ma è come prima linea, preferibilmente tallonatore che esprimo il meglio di me. Notato dal divin Andrea Papale ( lode a lui ) nei bassifondi del gruppo privato ” Piloni e altre creature leggendarie ” a creare MEME idioti e postare materiale altamente ignorante, mi è stata concesso l’onore di collaborare con la redazione di ” Delinquenti prestati al mondo della palla ovale “. Mi domando ancora oggi il perché di tale privilegio. Infatti mi autodefinisco l’ignorante ( o imbecille ) del team. Adoro appunto creare meme e materiale umoristico perché non mi piace prendere nulla sul serio e adoro strappare una risata al prossimo. Missione nella vita? Giuro che prima o poi qualcosa d’ intelligente lo posto. Promesso!                                                             


 

Fabio Nannini 

Fabio Nannini è fiorentino classe 1984 ultimo arrivato nonostante sia il più anziano della brigata dei Delinquenti.
Entrato nel mondo del rugby letteralmente per sbaglio a 14 anni pensando di andare a fare tutt’altro, se ne innamora follemente passando i 19 anni successivi a devolvere la sua vita alla palla ovale. Dopo le giovanili fiorentine trova la sua naturale dimora tra Sesto Fiorentino e Prato con i quali gioca dal 2002 in tutte le categorie dalla serie C all’Amlin Cup. La passione per tutte le “declinazioni” della palla ovale lo porterà fino a Sydney per una stagione di Rugby League. Amante viscerale del beach rugby da oltre un decennio lega la sua ingombrante immagine al rugby da spiaggia in tutta la penisola. Postatore compulsivo su FB è un affascinato osservatore della natura umana.

 


 

Alessandro Ferri

Avete presente quello che lo trovi in lista tutte le domeniche, nonostante sia incredibilmente scarso e mai presente agli allenamenti? Ecco, quello sono io. Presente sui campi a passeggiare dal 2003, ho preferito scrivere e raccontarvi cosa succede nel mondo ovale. Qui ritratto nell’unico fotogramma in cui ho fatto finta di giocare (a snow rugby tra l’altro).

 

 


 

Federico Laguzzi

I have quasi 19 years and I’m the most giovane of the redazione.
I’m a pilone dentro and fuori, but me so girato tutti i ruoli della scrum. I like this linguaggio and the third tempo. I hate i passaggi in avanti and the riscaldamento before the partita.