Dove non arriva il cuore 0 2135

Forse è il caso di smetterla.

Scusate, cominciato troppo di fretta.

Ricominciamo.

Di fronte alle sconfitte più brucianti, in qualsiasi sport ma soprattutto nel nostro, arriva sempre qualcuno che “Si, ma almeno ci hanno messo il cuore”. “Tanto cuore”. “I ragazzi ci hanno messo il cuore”. Grande merito, tanto di cappello. O anche il contrario “È mancato il cuore e le palle” (le palle, altro grande topos sportivo); tutto molto bello, tutto molto vero, ma ora basta.

È diventata una scusa.

Affrontare a testa alta un avversario decisamente più forte di noi è un merito, ma non è (solo) affrontando a testa alta avversari decisamente più forti di noi che si migliora. Che si vince (poi un giorno ne parliamo di questa cosa di vincere eh). Che si progredisce. No.

Non basta il cuore.

Il cuore, o meglio quello stato d’animo, mentale più che cardiaco che ti fa dare tutto, ti fa fare cose incomprensibili, arrivare allo stremo pur di raggiungere un obbiettivo impossibile o che ti fa crollare, ti fa tremare le ginocchia, ti blocca il respiro, ti inchioda a terra, è un aspetto. Non è il solo aspetto.

Scusate, mi sono dilungato troppo.

Col cuore non ci si mangia, diceva mia nonna (no, non diceva così, libera interpretazione), serve serietà (non diceva nemmeno questo, ma se dico che l’ha detto lei sembra più credibile).

Certo, dedizione, impegno, allenamento possono far parte di questa grandissima e ruffianissima categoria, ma la verità è che sono loro a fornire il “cuore”.

Il cuore può essere l’ultima risorsa, non l’unica arma.

Senza un progetto alle spalle serio, senza campionati competitivi, senza club che preparino bene prima di tutto tecnici, con la sola idea di “Peso/Altezza” (santo Minozzi) col cuore ci mangiamo i fegatini, non ci vinciamo le partite.

Il Cuore è diventato parte di quel campanilismo rugbistico tutto nostrano, dove sempre meno realtà, scoraggiate sicuramente da una politica che non le aiuta, lavorano con progettualità e sempre più ragionano solo in virtù dell’aspetto terzotempesco.

Forse ai ragazzi servirebbe qualche feedback più tecnico di “Cuore ragazzi, cuore”.

Il Polemico Delinquente

 

Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *