I 5 motivi per cui il frontino è il gesto tecnico più nobile di sempre 0 34604

Nei secoli dei secoli, sui campi da rugby, un gesto si è rivelato essere più nobile rispetto agli altri: il frontino. Ovvero la cacciata dei demoni avversari con la mano tesa, rivolta verso la faccia dei suddetti. Qui vi spieghiamo il perché.

 

#1 – Perché abbiamo due mani:

Lord Handinface di Winchester disse: “Nostro signore ci ha dato due mani. Una serve per portare il pallone, tenere da bere, salutare la Regina ed esultare, l’altra ci è stata donata per mettergliela in faccia a tutti questi maledetti che ci stanno correndo addosso”.

#2 – Per un discorso di prossemica:

Lord DonotcomebetweentheNazgûlandhisprey sosteneva che ci fossero, sportivamente parlando, spazi che vanno rispettati. Quindi, quando qualcuno si avvicina troppo, è necessario ricordargli quale è il suo posto: nel fango, per terra, insieme ai suoi compagni.

#3 – Perché è una tradizione millenaria:

Lord Overbearing, noto antropologo di Cambridge, sostiene che la sfrontinata fu il primo gesto sociale dell’Homo Sapiens. Fu una donna a compierlo: tornata dalla raccolta con un frutto ovaliforme, scansò il compagno colpendolo in maniera secca sulla fronte, dicendo “Hurg al zagai, ghisol al futinel zuburnesk” (letteralmente: “togliti di mezzo, specie di rifiuto umano”)

#4 – Perché fa tendenza:

Lord Whack sostiene che quando in partita qualcuno sfrontina, gli altri 29 gli vanno tutti dietro…

#5 – Perché a noi piace un sacco:

Alla fine ogni ramo viene al pettine. Ogni nodo viene al seme. Per fare un albero ci vuole il branzino. Vabbè, perché abbiamo deciso che è così dai.

 

Giulio Giuseppe Giorno

Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *