Carcassonne, il rugby a luci rosse 0 2651

Prendete una squadra di rugby francese qualsiasi, per esempio il Carcassonne che milita in Pro D2. Svegliatevi una mattina come le altre e immaginate di essere il responsabile delle sponsorship della squadra. Ci siete? Ora immaginate che la vostra direttrice generale Christine Menardeau-Planchenault vi dica di voler intraprendere una partnership pubblicitaria con un settore insolito e nuovo per i campi ovali. A cosa state pensando? Qual è la prima cosa che vi viene in mente?
Associazione contro la birra? Ristorante di cucina gourmet con porzioni microscopiche? Azienda vegana che produce proteine di soia?
Niente di tutto questo. Da quanto riportato da Gazzetta.it, in Francia si sono svegliati e hanno deciso di intraprendere una partnership con un sito pornografico d’oltralpe, ma sono stati fermati sul nascere dalla Federazione Francese di Rugby, che si è espressa così:
“La partnership con un sito web pornografico non è compatibile con il regolamento della Ligue e con il pubblico familiare che frequenta lo stadio. Per questo la Lnr ha deciso di vietare qualsiasi visibilità pubblicitaria di questo partner nell’ambito dello stadio” (Gazzetta.it).
Decisione piuttosto insolita di questo club di Pro D2, che voleva portare maggior virilità all’interno del proprio campionato. Idea stramba, ma pur sempre originale. Non trovate?

Di Federico Laguzzi

Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *