Le Highlights di Scozia-Galles (VIDEO) 0 365

il Galles vince a Murrayfield contro la Scozia per 11-18. Nel giorno in cui Alun Wyn Jones diventa la seconda linea più presente nella storia del rugby (124 partite). Alla squadra di Gatland manca solo la sfida contro l’Irlanda, in casa il prossimo 16 marzo, per vincere il Torneo realizzando il Grande Slam.
I Dragoni guidano il match già dai primi minuti del primo tempo. Al 14’ Josh Adams sfrutta una bella azione alla mano e vola in meta. Incredibile il momento di forma del trequarti ala del Worcester. Al 30’ lo imita Jonathan Davies, altri tre punti li infila Anscombe su punizione. La Scozia, indisciplinata e sterile in attacco, è tenuta a galla da due piazzati di Russell.

Nel secondo tempo, gli scozzesi premono sull’acceleratore: l’ala sinistra Graham segna la sua prima meta in nazionale. Tutti gli altri attacchi sbattono sulla solida difesa del Galles. All’80’ Anscombe infila altri tre punti e chiude la contesa. Alla Scozia rimane solo da giocare il derby contro l’ Inghilterra. Il Galles è ad un passo dal suo 39° Sei Nazioni: sarebbe il record assoluto di vittorie.

Nel match di oggi pomeriggio invece l’Irlanda ha sconfitto per 26-14 la Francia a Dublino, completando la quarta giornata del Sei Nazioni. Vittoria con bonus che permette alla squadra di Joe Schmidt di salire a 14 punti e consolidare il terzo posto, a -1 dall’Inghilterra e a -2 dal Galles. La Francia resta invece a 6 appaiata alla Scozia, davanti all’Italia. Si deciderà quindi tutto sabato prossimo all’ultima giornata. Il Galles proverà a chiudere i conti (titolo e Grande Slam) a Cardiff con l’Irlanda (ore 15.45), mentre l’Inghilterra, che scenderà in campo conoscendo già il risultato, aspetta la Scozia a Twickenham (ore 18).
Un’ Irlanda cinica dimostra come la mediana formata da Murray e Sexton sia il perno fondamentale del gioco, una mischia solida e compatta riesce a dominare sia nei punti di incontro sia nelle fasi statiche.

I Francesi rispondono con una squadra sfrontata e una mediana giovanissima, la quale talvolta pecca di inesperienza, con Dupont che non sempre attua la scelta corretta sopratutto sotto pressione. Ottima la partita di Picamoles che si dimostra una diga difficile da superare.

Di Giacomo Civino

Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *