Sam Cane è il nuovo capitano degli All Blacks 0 772

La nazionale neozelandese sta attraversando un momento di transizione: dopo il terzo posto conquistato nella Coppa del Mondo, coach Steve Hansen e capitan Kieran Read hanno dato il loro addio, costringendo la federazione a varare un nuovo corso.

Il board ha scelto di optare per la continuità in entrambi i casi: come nuovo allenatore è infatti stato nominato, dopo un lungo corteggiamento con l’ex tecnico dell’Irlanda Joe Schmidt e con quello del Giappone Jamie Joseph, Ian Foster, Assistente di Hansen durante la sua gestione.

Si attendeva solo la nomina di un nuovo capitano che succedesse a Read, uno dei giocatori icona del rugby recente, nomina che è arrivata stamattina: sarà Sam Cane a guidare gli All Blacks nel prossimo futuro.

Chi è Sam Cane?

Cane, già capitano per tre volte dei tuttineri prima della nomina ufficiale (di cui una nella sfida con l’Italia allo Stadio Olimpico di Roma nel novembre 2018), 28 anni compiuti a gennaio, guida anche il suo club, gli Chiefs di Hamilton, allenati da Warren Gatland.

Flanker dinamico, ha già collezionato 68 presenze con la sua nazionale e ha dimostrato di avere il carisma adatto per poter sobbarcarsi un ruolo gravoso come quello del capitano della nazionale di rugby più importante del mondo.

In un video postato qualche minuto fa dal canale ufficiale degli All Blacks, è proprio Cane, collegato da casa sua causa lockdown, a spiegare cosa significhi per lui ricevere un’investitura così di rilievo:

Credo che un buon capitano sia qualcuno che non debba chiedere alla sua squadra di fare qualcosa che lui stesso non stia già facendo. Suppongo che un buon capitano sappia essere di esempio per i suoi giocatori, ma anche qualcuno che sappia creare buoni rapporti nel gruppo

Non ci resta che augurare buona fortuna a Sam Cane, con la speranza di vederlo all’opera, situazione sanitaria permettendo, il prossimo 7 novembre a Twickenham, quando dovrebbe andare in scena il replay della semifinale mondiale tra Inghilterra e All Blacks.

 

Di Alessandro Ferri

Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *