Sondaggio delinquente: Irlanda favorita, Italia “solo” seconda! 0 1136

Il sondaggio che vi abbiamo proposto nel gruppo Piloni e altre creature leggendarie  su chi sarà la possibile vincitrice del sei nazioni si è ufficialmente concluso. Ecco a voi i risultati:

La vincitrice è  risultata la favoritissima Irlanda (608 voti). Ciò conferma il trend positivo e le alte prospettive che si hanno sulla nazionale del trifoglio. Dopo la vittoria sugli All Blacks, l’ Irlanda ha guadagnato tanti punti sia in chiave Guinness 6 Nazioni che Mondiale. Rendendola a tutti gli effetti l’ avversaria da battere.

Con grande distacco, ben 508 voti e con enorme sorpresa al secondo posto si colloca la nazionale Italiana (101). I nostri ragazzi dovranno dimostrare a tutti i costi di aver meritato questa fiducia combattendo a testa alta contro tutto e tutti.

Un solo punto invece separa la nazionale di Eddie Jones (100) dal secondo gradino del podio. L’ Inghilterra esce a fatica da un periodo decisamente negativo: nello scorso Sei Nazioni si dovettero accontentare della quinta posizione.

In quarta posizione abbiamo il Galles (59 voti).La nazionale di Gatland nonostante un ottimo novembre evidentemente non riesce convincere i membri del gruppo. Ha dimostrato durante i test di riuscire a competere con le più forti. Il gioco vicino i punti di incontro è migliorato ulteriormente, per non  parlare del gioco nello spazio, che riesce sempre a creare superiorità.

La quinta posizione è occupata dalla Scozia (22 voti) la prima avversaria dell’Italia in questo torneo non incontra i favori del pubblico. La giovane età non penalizza di certo questa nazionale che propone in campo sia ottima tecnica difensiva che un gioco dinamico e veloce, che si basa sul movimento veloce e diretto del pallone.

In ultima posizione non poteva che esserci la Francia (13 voti). La nazionale di Brunel si presenta al primo match del torneo con il pack di mischia più pesante al mondo 923 kg e preferendo al vice capitano Bastareaud il giovanissimo Ntamack.

Di Giacomo Civino

Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *